UNIONI CIVILI - Città di Darfo Boario Terme

IL COMUNE | Settori e Servizi | Settore Demografici | UNIONI CIVILI - Città di Darfo Boario Terme

UNIONI CIVILI

 

Servizi Demografici

Unioni Civili - Legge 76/2016

 

In data 5 giugno 2016  è entrata in vigore la Legge 20 maggio 2016 n. 76 recante la “regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e la disciplina delle convivenze”, con la quale il Legislatore introduce nell’ordinamento giuridico i nuovi istituti della “unione civile” e della “convivenza di fatto”.

 

UNIONI CIVILI TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO 

Con l'introduzione dei nuovi istituti previsti dalla Legge 20 maggio 2016, n. 76, denominata "Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze", entrata in vigore il 5 giugno 2016, le persone dello stesso sesso hanno a disposizione due possibilità per il riconoscimento della propria unione: la convivenza di fatto (Vedi “Convivenze di fatto”) e l'unione civile.

 

I requisiti per costituire un' unione civile

  • essere dello stesso sesso;
  • avere compiuto la maggiore età;
  • essere di stato libero;
  • non essere interdetti;
  • non ricadere nei divieti di cui all'art. 87 del Codice Civile (rapporti di parentela, affinità ed adozione);
  • non essere stati condannati definitivamente per omicidio tentato o consumato nei confronti del coniuge o di chi è unito civilmente con l'altra parte;
  • per il cittadino straniero occorre acquisire il nulla osta alla costituzione dell'unione civile ex art. 116 del Codice Civile, rilasciato dall'autorità diplomatico-consolare straniera in Italia ovvero dal competente ufficio individuato ai sensi della legge del Paese di provenienza. Il nulla osta deve attestare che non esistono impedimenti alla costituzione dell'unione civile, giusta le leggi a cui lo straniero è sottoposto per nazionalità.

 

L'unione civile davanti all'Ufficiale dello Stato Civile

L'unione civile tra persone dello stesso sesso si costituisce con dichiarazione resa di fronte all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune di residenza, alla presenza di due testimoni.

L'Ufficiale dello Stato Civile competente dovrà curare l'istruttoria preliminare.

Sempre con dichiarazione resa all'Ufficiale di Stato Civile procedente, le parti possono stabilire di assumere, per la durata dell'unione civile, un cognome comune scegliendolo tra i loro cognomi. La parte può anche dichiarare di voler anteporre o posporre al cognome comune il proprio cognome, se diverso.

L'unione civile prevede altresì la scelta del regime patrimoniale. Con dichiarazione resa all'atto della costituzione dell'unione, le parti possono scegliere il regime della separazione dei beni. In assenza di scelta, prevale il regime patrimoniale della comunione dei beni.

Il servizio si svolge esclusivamente su appuntamento.

 

ATTENZIONE: in attesa dell'emanazione della disciplina necessaria a regolamentare la forma ed il contenuto degli atti e delle dichiarazioni da rendere all'Ufficiale dello Stato Civile, da emanarsi entro il termine di 30 giorni dall'entrata in vigore della norma, cui seguiranno altri 30 giorni per i pareri della Corte dei Conti e del Consiglio di Stato, le parti interessate a voler costituire un'unione civile potranno comunque rivolgersi all'Ufficio competente, al fine di ricevere indicazioni e informazioni.

Non sarà tuttavia possibile procedere alla verbalizzazione dell'atto costitutivo dell'unione civile, mediante registrazione nei registri di Stato Civile, fino a che non verranno emanate le disposizioni attuative.

 

Per informazioni e comunicazioni, gli interessati possono contattare l'Ufficio di Stato Civile di questo Comune, presso i Servizi Demografici (Municipio – piano terra).

Orario di apertura al pubblico:

dal lunedì al venerdì  dalle ore 10,00 alle ore 12,20

il lunedì ed il mercoledì  dalle ore 16,00 alle ore 17,20

il martedì ed il giovedì pomeriggio l’ufficio riceve solo su appuntamento.

 

Telefono 0364-541124

Mail: stato.civile@darfoboarioterme.net

Pec:  comune.darfoboarioterme@pec.regione.lombardia.it

  

   Documenti allegati